IT∀LIA

IT∀LIA è un progetto fotografico personale e al contempo collettivo. Una sfida alla negatività dilagante. Inviatemi i vostri racconti sul perchè amate l’Italia, cosa vi lega al nostro paese e li tradurrò in fotografie. Le più significative saranno raccolte in una mostra finale.

italia project irene ferri

Premessa:

“In Italia non funziona niente. L’Italia fa schifo. L’Italia sta andando a rotoli.”

Non so voi, ma questo è quello mi si presenta davanti agli occhi quotidianamente sul mio feed di Facebook, e molto spesso anche nella vita reale. Italiani arrabbiati. Delusi. Frustrati.
Come vi ho già raccontato, dopo aver vissuto tre anni negli Stati Uniti sono tornata in Italia nel 2016. Per certi versi, non è stato per niente semplice riadattarmi. Ho incontrato reali difficoltà: economiche, di funzionamento, di trasporto, anche di parità dei sessi. Non lo nego. Sono stata anch’io molto arrabbiata.

riomaggiore cinque terre

Ma dopo due anni mi sono stancata. Stancata di sentire solo lamentele. Stancata di ascoltare solo cose negative. Da me stessa e dagli altri. Ho sentito più volte dire “che bella l’Italia” dai miei amici americani che dai miei compaesani.

Quindi mi è venuta voglia di creare un progetto fotografico insieme.

Un progetto per noi, italiani (spesso) delusi e scontenti. Una sfida. 

Questa lente peggiorativa che ci portiamo avanti ci impedisce di apprezzare tutta la bellezza da cui siamo circondati. Proviamo a cambiare punto di vista?

Concept:

La domanda che vi faccio è: cosa amate dell’Italia? Cosa vi lega a questa terra? Perchè, nonostante tutto, non la lascereste per nulla al mondo? E di cosa avete nostalgia quando siete lontani?

Io raccoglierò le vostre risposte tramite il form sul blog e tradurrò in fotografie i vostri pensieri. Questi sprazzi d’Italia vera, piccoli frammenti affettivi verranno poi esposti in una mostra finale a titolo “IT∀LIA”.

Voglio scavare nel profondo, quindi risposte standard come “pizza e colosseo” non sono contemplate, mi raccomando 🙂

project italia irene ferri

Vi faccio un paio di esempi personali.

La settimana dopo essere tornata in Italia, sono andata al supermercato. Una volta alla cassa, mentre rovistavo nel portafoglio in cerca dei soldi, il cassiere mi ha detto: “Ma non ti preoccupare, se non li hai me li porti domani”. Io sono rimasta di sasso. Erano tre anni che non mi sentivo dire una cosa del genere.

Sempre nella settimana dopo il mio ritorno, una sera sono stata in Piazza Fontanesi a Reggio Emilia. Era piena, piena, piena di gente. Ero imbambolata. Ricordo di aver pensato: Los Angeles non ce l’ha una piazza. E non si può  neanche camminare per la città, bisogna sempre muoversi in macchina.

Sempre quella notte ho aspettato che aprissero i forni per andarmi a prendere un pezzo di erbazzone (che, per chi non lo sa, è una tipica torta salata reggiana). Aveva il sapore del paradiso 😀

La settimana scorsa sono rimasta a piedi con l’auto in galleria (il panico). Ben due persone si sono fermate al volo per aiutarmi. Una signora mi ha detto che sarebbe andata dal meccanico più vicino per informarlo che ero ferma in galleria, e un signore mi ha preso fuori il triangolo arancione dalla macchina e me l’ha posizionato (io ovviamente ero ancora nel panico).

Questa settimana mia nonna mi ha preparato gli gnocchi fatti a mano. E’ bellissimo quando prepara i gnocchi. E’ affascinante. Io a malapena so cuocermi un uovo.

Recentemente, sono andata a Cremona e ho visitato la bottega di un liutaio che, tra resine, legni ed attrezzi, fabbrica violini. Mi ha detto: “Pensavo di rimanere qualche mese, invece sono qui da vent’anni”. Ci sono 154 liutai che portano avanti quest’arte (patrimonio immateriale UNESCO) a Cremona. Cosí.

Negli ultimi anni ho viaggiato moltissimo per l’Italia in lungo e in largo, e mi sono riempita gli occhi di  stupore.

Voglio creare qualcosa per noi italiani, un archivio fotografico che ci ricordi che vale ancora la pena amare questa nazione, che bistrattiamo e malediciamo ormai ogni giorno. 

Mi piacerebbe che partecipaste da tutte le regioni d’Italia. Mi interessa scoprire i vostri punti di vista.

Come partecipare

Se vi va di contribuire, potete scrivermi tramite questo form. Nel caso la vostra esperienza sia scelta e tradotta in fotografia per la mostra, verrete quotati e citati.

La mia immensa gratitudine andrà comunque a tutti voi che dedicherete al progetto un po’ del vostro tempo! Grazie di cuore in anticipo.